Accelerare il metabolismo, i trucchi sani

Cercate dei trucchi per accelerare il metabolismo? Non posso promettervi che leggendo questo articolo riuscirete a perdere i chili di troppo, ma resto convinta che per dimagrire occorre usare la testa, cercare di capire certi meccanismi e soprattutto, limitare le diete ipocaloriche.

Ma come è possibile dimagrire senza dieta? Non ho detto questo, ma su una cosa ho ragione: fare diete dimagranti in continuazione è sbagliato. E soprattutto se vuoi accelerare il metabolismo l’ultima cosa che devi provare a fare è dimagrire e stare a dieta ipocalorica.

La prima cosa che devi sapere se vuoi accelerare il metabolismo è questa: il metabolismo aumenta quando mangi di più, diminuisce quando mangi di meno. In nessun modo si può mantenere un metabolismo alto mangiando poco. Semplicemente perché il metabolismo va adattandosi in base alla disponibilità energetica che gli diamo tramite il cibo.

Meno cibo gli diamo, più il metabolismo sarà efficiente: l’efficienza metabolica è la prima caratteristica delle persone obese, è quel “mangio ma non brucio” di cui molte persone si lamentano. Ma se le persone obese mangiano molto, mettiamo il caso, perché non hanno un metabolismo alto? Perché da una parte mangiano troppo e si muovono poco, e dall’altra sono efficienti metabolicamente, ovvero sono in uno stato in cui il corpo preferisce conservare energia al posto di bruciarla.
Efficienza metabolica = metabolismo lento.

Noi invece per accelerare il metabolismo abbiamo bisogno di due cose:
– non essere a dieta ipocalorica
– non essere “efficienti metabolicamente”

Come possiamo ottenere le due cose insieme?
Ecco tutto quello che devi sapere condensato in un solo articolo.

L’efficienza metabolica, quindi il metabolismo lento, è legato a:

  1. diete a ridotto contenuto di carboidrati: il metabolismo glucidico, cioè dei carboidrati, è la via metabolica preferita del corpo. I carboidrati non servono per sopravvivere: l’avrai letto da tante parti ed è vero. Questo ti deve fare capire non che siano inutili, ma quanto siano importanti: il corpo può ottenerli dalle proteine e dai grassi nella dieta e può persino ottenerli dal corpo se mangiamo poco o digiuniamo. Dunque sono così importanti che se fallisce il piano A (ottenere carboidrati dalla dieta), il corpo ha un piano B, C e persino D per riuscire a ottenere comunque glucosio.
  2. diete dove sia i carboidrati che i grassi sono molto alti: grassi e carboidrati ci danno entrambi energia. Con una differenza: i grassi (in una dieta in cui assumiamo già abbastanza carboidrati, dove per abbastanza intendo: dal 50 al 60% almeno del fabbisogno giornaliero di calorie), vengono più facilmente convertiti in energia di riserva. E’ più difficile invece che il corpo tramuti in grasso i carboidrati. Proprio il contrario di quello che ti è stato detto o che hai letto.
  3. una bassa percentuale di massa magra: i muscoli bruciano più calorie del grasso a riposo, anche se di poco, e inoltre fare attività fisica “insegna” al corpo a bruciare energia.
  4.  lo stress: in condizioni di stress, il corpo attinge più facilmente dai grassi per ottenere energia. A lungo andare questo compromette la sua capacità di usare i carboidrati a scopo energetico. Se vuoi accelerare il metabolismo, devi poco per volta ridurre lo stress.  Dormendo di più, e meglio, evitando ore di assenza di cibo tra un pasto e l’altro, evitando di esercitarti per troppo tempo: se invece crei queste condizioni, saranno sempre gli ormoni dello stress a influenzare il metabolismo. Che diventerà più efficiente, cioè più lento fino a creare lo scompenso, ovvero la malattia. Avrai letto che molte malattie nascono da una risposta del corpo allo stress.
  5. l’infiammazione: l’infiammazione è una risposta immunitaria. Se ci graffiamo e vediamo la pelle gonfiarsi e arrossarsi e fare male, abbiamo la prova che si sta infiammando: ecco, quella è l”infiammazione acuta. Quando parliamo di infiammazione sistemica, invece, parliamo di uno stato cronico. Questo stato può essere causato anche dall’alimentazione. Per esempio il diabete di tipo 2 è il risultato di uno stato infiammatorio che provoca un problema metabolico, di malfunzionamento.Qui molto fa lo stile di vita, ma anche la dieta. Tutte le sostanze che assumiamo tramite il cibo e che non sono necessarie ma sono addirittura tossiche se esponiamo il corpo ogni giorno a esse, sono da evitare. Additivi, conservanti, pesticidi, addensanti, coloranti. Non è un caso che molte persone obese mangiano perlopiù cibi industriali. La povertà di nutrienti e la ricchezza di additivi è la ricetta del disastro. Aggiungici farmaci presi come caramelle, abitudini scorrette, problemi di salute di cui ci siamo infischiati, sedentarietà. Adesso sai perché il corpo si infiamma. E conserva energia essendo stato messo in uno stato di perenne allerta. 

    Per accelerare il metabolismo devi risolvere questi cinque punti, ovvero:

    – assumere meno grassi, e prediligere invece i carboidrati nella dieta: puoi fare questa cosa gradatamente, cioè aumentando di poco i carboidrati di settimana in settimana tagliando invece i grassi e i cibi troppo grassi.
    – bilanciare i pasti di modo che il corpo riceva sempre più carboidrati che proteine
    – mangiare (anche poco) ogni volta che senti lo stimolo della fame:
    questo abbasserà il livello dello stress. Allo stesso modo, è importante smettere di mangiare quando siamo sazi.
    – risolvere ogni situazione di salute che hai sottovalutato, ed eliminare le cattive abitudini come il fumo, l’alcol, ecc.
    – aumentare la tua massa magra facendo esercizi con pesi o con resistenze (senza esagerare e finire per sovrallenarti, vedi ultimo punto)
    – non tagliare le calorie
    – fornire al tuo corpo tutti i macro e i micronutrienti con una dieta sana e naturale
    – ridurre le fonti di stress
    – tenere sotto controllo la temperatura corporea
    : più alta è la temperatura corporea, più il corpo sta bruciando energia. Se la temperatura corporea è più alta dopo i pasti che non prima, sei sulla strada giusta. Se no, significa che devi rivedere i punti precedenti. Vedi Test di Barnes. 
    Per alcune persone, pasti piccoli e più frequenti funzionano meglio per accelerare il metabolismo.
    – evitare di bere troppa acqua per un “fatto di salute”: anche questa può essere una cosa buona che causa però effetti negativi. Non devi evitare di bere, ovvio, ma non devi bere tanto e perdere sali minerali con l’idea che magari così dimagrisci.
    – avere pazienza: se vuoi accelerare il metabolismo, non puoi avere fretta, proprio perché il metabolismo e la salute sono correlati. Ci sono voluti anni perché tu ti cacciassi nella situazione in cui sei adesso. Ora vuoi sistemare le cose? Ottimo, ma non puoi pensare di risolvere la situazione da oggi al domani.

Chiudi il menu