Dieta digestiva del dr Pierluigi Rossi per dimagrire 2 kg in 7 giorni

Una dieta intestinale e digestiva per dimagrire 2 kg in 7 giorni proposta dal celebre dottor Pier Luigi Rossi, medico nutrizionista e inventore del metodo molecolare per perdere peso. Un metodo che è anche alla base della celebre Dieta Social.

Il metodo alimentare per far riposare l’intestino del dottor Pierluigi Rossi racchiude una serie di consigli da seguire per sette giorni, di modo da depurarsi in previsione dei giorni di festa che ci attendono quest’inverno.

Ideale per ridurre i sintomi di meteorismo, stipsi, diarrea, gluten sensitivity, celiachia, alterato assorbimento intestinale, questa dieta può farci perdere da uno a due chili a settimana. In particolare se soffriamo di costipazione e gonfiore, la dieta digestiva ha un rapido effetto sgonfiante.

Questa stessa dieta può essere fatta anche dopo le feste tra Natale e l’Epifania, di modo da depurarsi di tutto il cibo in più che avremo mangiato. Chiaramente dei chili persi, una parte è di gonfiore e ritenzione idrica.

CHE COS’E’ LA DIETA DIGESTIVA?

Si tratta di un piano alimentare disintossicante e depurativo che migliora la digestione e allenta tutto l’affaticamento intestinale che sopportiamo con particolare riferimento alla digestione enzimatica. Se mangiamo troppo la digestione diventa più complicata e porta a problemi come gonfiore e irregolarità, ma anche cattivo assorbimento dei nutrienti che ci causa senso di pesantezza e ingrassamento.

LE REGOLE DELLA DIETA DIGESTIVA PER DIMAGRIRE 2 KG IN 7 GIORNI.

  • Per 7 giorni niente carne (neanche bianca)
  • Niente farine e prodotti da farina. Niente pane, pasta, riso bianco, nessun dolce, ma neanche farine dai cereali grezzi.
  • Non si consumano formaggi stagionati.
  • Niente salumi.
  • No ad alcol o caffè.
  • Niente burro.
  • E’ inoltre consigliato ridurre il sale, magari aiutandosi con delle erbe aromatiche e se lo si tollera con l’aceto.
  • Invece possiamo mangiare.

  • Frutta e verdura
  • Latticini e formaggi molli non stagionati (yogurt bianco, ricotta, robiola, stracchino, caprino, ecc)
  • Pesce (va bene di tutti i tipi).
  • Cereali integrali o in chicco (riso integrale, miglio, farro, avena, orzo, riso basmati ecc, ma non prodotti da forno ricavati da cereali grezzi)
  • Legumi.
  • Frutta secca.
  • Tè, tisane, acqua.
  • Olio extra vergine di oliva come condimento.

Per una settimana bisognerà astenersi dal mangiare gli alimenti vietati e consumare cibi liquidi e caldi insieme ai cibi solidi, che devono essere sia cotti che crudi.

Insomma, la dieta dev’essere metà solida e metà liquida (minestre, centrifugati di verdura e frutta senza zucchero, tisane, caffè d’orzo fuori pasto).
E per i vegetali, bisogna mangiarne sia crudi che cotti per ogni pasto, in uno schema alimentare che vi posso riassumere a pagina due. (SEGUE A PAGINA DUE)

Chiudi il menu