Detonic per dimagrire: funziona?

Oggi parliamo di un prodotto, il Detonic, per dimagrire.
Di cosa si tratta?
Di un integratore a base di estratti naturali per bruciare i grassi basato su un processo che si definisce innovativo.

IL BUSINESS DEGLI INTEGRATORI NATURALI PER DIMAGRIRE

Tra i trend dietetici degli ultimi dieci anni, sicuramente troviamo gli integratori naturali. Si tratta di un business in forte crescita che non conosce momenti di stallo, soprattutto nel caso degli integratori per dimagrire.

La ragione del boom dei prodotti per dimagrire è legata a una falsa credenza chiamata del “pensiero magico”: ci piace l’idea di poter fare affidamento a qualcosa che possa cambiare il corso della nostra vita in modo insperato. E in questo caso facile. In fondo, basta una pillola per fare sparire i chili di troppo! Ahimè, purtroppo le cose, anche se so che state cercando solo articoli che parlino bene dei prodotti che avete puntato, non stanno esattamente così.

E se c’è un trend tra gli integratori per dimagrire che in questo momento va per la maggiore, di sicuro è quello dei chetoni per perdere peso. Oggi vedremo il caso del Detonic, un integratore naturale a base di estratti di piante che contiene chetoni esogeni. In teoria, questi chetoni, una fonte di energia alternativa ai carboidrati, dovrebbero farci bruciare i grassi depositati nel nostro corpo. Ma è davvero così?

Cerchiamo di capire se il Detonic per dimagrire funziona davvero, in quali casi, e se invece non stiamo credendo all’ennesimo talismano dai poteri magici.

DETONIC PER DIMAGRIRE: FUNZIONA?

Come ho già detto nell’articolo sui chetoni esogeni per dimagrire, che ti consiglio di leggere, non esistono evidenze scientifiche che stabiliscono che i chetoni esogeni possano farci dimagrire. Questi prodotti inizialmente apparvero sul mercato per gli atleti impegnati in sport di endurance, di modo da evitare il sovraffaticamento.

L’idea era che, chi dovesse impegnarsi in un’attività sportiva che dura ore, pensate ai ciclisti o ai maratoneti, avesse bisogno di un supplemento energetico dopo l’iniziale consumo energetico dei carboidrati.

Questo accade perché in tali sport, che richiedono sia una prestazione sempre adeguata che la resistenza a ore di attività, dopo avere ossidato i carboidrati a scopo energetico, il corpo attinge dai grassi. Tuttavia questo passaggio, chiamato shift metabolico, non è sempre così automatico ed è interindividuale. Dunque ci saranno persone più capaci e persone meno capaci. Si è visto che l’utilizzo di chetoni esogeni favorisce le prestazioni, proprio ponendosi come alternativa energetica.

Ma tutto questo riguarda voi che dovete dimagrire?

No.

E allora che senso ha che abbiate letto tutto questo papello? Ha senso se pensate che grossa parte dgli studi sui chetoni esogeni, cioè quelli derivanti da integrazione, sono stati fatti proprio per questo tipo di attività aerobica (o quasi sempre aerobica). E non per le persone che volevano perdere qualche chilo di troppo.

Ci sono studi che invece parlano di dimagrimento con i chetoni esogeni come quelli che in teoria contiene Detonic?
Perché ho scritto in teoria?
Voi la conoscete la lista di ingredienti del Detonic? Io no, perché erano presenti in siti non affidabili, mentre nei siti ufficiali di vendita non c’è traccia di specifiche del prodotto, a parte una menzione ad aloe, chaga, biancospino, lenora, semi di zucca. Ma in che quantità?
E dove sarebbero i chetoni?
Queste sostanze apportano chetoni?
Non risulta da nessuna parte.
Già questo ti dovrebbe fare pensare.

Mettiamo però che il Detonic i chetoni li abbia davvero.
Questi chetoni sono un’alternativa energetica ai carboidrati.

Se fai una dieta senza carboidrati, sarà il tuo corpo a produrre chetoni dai grassi, come nel caso della dieta del digiuno e della dieta chetogenica. Se usi questo prodotto e fai una dieta senza carboidrati, il corpo che deve farsene dei propri chetoni?
Sarebbe come mettere benzina in una macchina con il serbatoio pieno.

Avrebbe senso solo se fai una dieta senza carboidrati e in più ti alleni molto. A quel punto avere una risorsa energetica da un integratore può evitarti di affaticarti troppo.
Quindi, perché un prodotto con chetoni esogeni funzioni, tu devi essere a dieta rigida.
Molto ipocalorica.

Allora prendere un prodotto simile ti aiuterebbe a sentire meno fame, semplicemente, proprio perché stai supportando il corpo con una fonte di energia alternativa. Ma questo secondo uno studio fatto su dei topi e finanziato da un’azienda di integratori. Altri studi dicono semplicemente che gli integratori di chetoni esogeni favoriscono la chetosi.
Ma questo non vuol dire che perderai peso.

Conclusioni. Ma ‘sto Detonic per dimagrire funziona o no?

Quindi, ricapitoliamo e cerchiamo di vedere quanti se e quanti ma e però abbiamo incluso in questo articolo.

Se il Detonic contenesse chetoni esogeni, cosa di cui non si ha però notizia certa, allora potrebbe servirti se sei a dieta rigida e fai sport (e non vuoi sentire la fame). Ma i pochi dati che abbiamo su questo meccanismo dimagrante vengono dagli studi sui topi.
Se i chetoni esogeni favoriscono la chetosi, vuol dire che puoi fare una dieta senza carboidrati per dimagrire.
Ma per favorire la chetosi non hai bisogno dell’integratore, se già fai una dieta chetogenica.
Ci sono possibilità che senza dieta, prendi un integratore di chetoni e dimagrisci?
Sempre se il Detonic avesse i chetoni, la possibilità sarebbe bassissima, in sostanza quella di ridurre un po’ la fame.
Da ultimo, lo stesso prodotto in altri siti di vendita viene spacciato per farmaco naturale contro l’ipertensione e qui si spiega la truffa delle finte recensioni.
Famo a capisse, serve per dimagrire o per ridurre l’ipertensione?
Filo blu o filo rosso?

Chiudi il menu