5 consigli per mangiare meno tra Natale e Capodanno

Come mangiare meno tra Natale e Capodanno, di modo da evitare di prendere peso?

Se c’è una lezione che ho imparato negli anni in cui ho lavorato per Dcomedieta è che nei momenti di stress le persone, anche quando ne hanno bisogno, non vogliono sentire parlare di diete. Stress e alimentazione sana non vanno d’accordo: mettersi a dieta richiede un impegno che nei periodi no non ci sentiamo in grado di mantenere.
Il periodo delle feste è per molti un periodo di stress.
Ma il segreto per dimagrire sta tutto lì. E le persone lo sanno.
Così rimandano sempre il fatidico momento in cui perdere peso.

Ci sono tuttavia delle cose molto facili che possiamo fare anche durante lo stress delle feste per mangiare meno tra Natale e Capodanno. E che possiamo poi continuare a seguire dal due gennaio in poi.

Non sono tutte soluzioni che prevedono cambiamenti alimentari, dunque seguire questi consigli non ci farà sentire più stressati e ci aiuterà a mantenerci in forma.

5 CONSIGLI PER MANGIARE MENO TRA NATALE E CAPODANNO

  1. Usare solo alimenti integrali.

    Se vogliamo perdere peso senza troppi sforzi, le fibre possono davvero aiutarci. Mangiare più fibre riduce l’assorbimento calorico, fino a 150 calorie al giorno. Per riuscirci possiamo per esempio usare pane integrale, soprattutto di segale o ancora mangiare pasta e riso integrale tra la fine di Natale e Capodanno.

    Altro trucco che riguarda le fibre è usare la pasta shirataki o di konjac. Possiamo mangiare questa pasta per consumare i sughi o gli alimenti (come il salmone, i formaggi, i frutti di mare) che sono avanzati dal Natale. Ma la pasta oltre ad avere circa 10 calorie per porzione, grazie alle fibre del glucomannano aiuta ad assorbire meno calorie.

  2. Tenere la casa illuminata.

    In inverno lo stress pesa di più anche per il fattore luce. Le ore di luce naturale si riducono, fa freddo e questo aumenta il rischio di sindrome depressiva stagionale. Ma anche chi non soffre di questa sindrome, può avere ripercussioni sull’umore che spingono a mangiare alimenti più calorici. Un trucco molto semplice è avere una buona illuminazione a casa, anche al mattino, per esempio acquistando una lampada per terapia della luce da posizionare dove passiamo la maggior parte del tempo di giorno.
    Possiamo portarla anche in ufficio.
    Lampada per luce diurna, lampada per terapia della luce 10000 Lux luce diurna, luce diurna con dimmer continuo, lampada a spettro completo senza UV, lampada solare [classe energetica A+]

  3. Fare un minuto di esercizi di risveglio metabolico e uno stretching al mattino.

    Quando ci alziamo da letto, iniziamo a risvegliare il corpo con un breve stretching che consiste soltanto nello stiracchiarsi. Allunghiamo le braccia in alto unendo le mani sopra la testa e tenendo le dita incrociate. Al tempo stesso allunghiamoci come se volessimo toccare il soffitto.

    Dedichiamo poi un minuto al giorno a esercizi di risveglio metabolico. Anche chi è super-impegnato può trovare un minuto in 24 ore, e questo minuto di esercizio permette di rilasciare maggiori endorfine, che ci terranno di buon umore. Scegli uno di questi video gratuiti: video uno, due, tre (yoga), quattro (dopo 18 secondi), cinque o sei. Puoi alternarli uno per giorno o sceglierne uno a settimana.

  4. Tisana e cioccolato.

    Fai due pause al giorno in cui ti concedi 10 grammi di cioccolato fondente e una tisana molto golosa che puoi dolcificare con tic e stevia. Questo piccolo trucco della tisana e del cioccolato lo puoi usare anche a fine pasto se il tuo problema è che continui a mangiare senza più fermarti. Oppure usarlo dopo cena o come spezzafame.
    E’ un trucco che riesce e ha molti benefici, proprio perché riduce lo stress.
    Devi solo ricordarti una cosa semplice: dal mattino al primo pomeriggio il cioccolato sarà fondente. Dal pomeriggio alla sera al latte. Per le tisane, quelle più utili sono le aromatizzate. Prova gli infusi gustosi della Bonomelli o gli infusi speziali della stessa marca (per esempio cacao e menta o zenzero e cocco): li trovi al supermercato o sul sito ufficiale. 

  5. La zuppa.

    Sostituisci il primo piatto o la portata principale con una zuppa drenante e diuretica. Se ti vuoi fare passare la fame io ti consiglio quella di zucca, di cipolle o di cavolfiore.
    Ma quando possiamo mangiare i dolci di Natale? Ecco, se hai del panettone o del pandoro di cui vuoi approfittare, mangiali per colazione, accompagnati da uno yogurt o un bicchiere di latte.

Chiudi il menu